motore di ricerca
Comune di Sedrina
Via Lega Lombarda 7 aprile 1167, 1 - 24010 Sedrina (BG)
telefono (+39)0345-57011 fax (+39) 0345-57037
e-mail segreteria@comune.sedrina.bg.it
P.E.C. segreteria.comune.sedrina@pec.regione.lombardia.it
Pagina Facebook del Comune

HOME » COMUNE, CITTADINI, TERRITORIO | Cenni storici

Cenni Storici, le origini del Comune di Sedrina fino ai giorni nostri.

 

antica5

Lo sviluppo del mondo comunale fu un processo lungo. I Comuni incominciarono a sorgere in varie parti d'Europa tra la metà del secolo XI e l'inizio del XII, in modo disomogeneo a seconda delle condizioni locali. Il vero e proprio laboratorio, in cui si sviluppò prima e più largamente che altrove la civiltà comunale, fu l'Italia centro-settentrionale. Questo grande fenomeno, che costituì un fatto nuovo nella storia medievale, fu dunque, per molti aspetti, tipicamente italiano. Anzi l'emergere della vita comunale contribuì a plasmare in modo durevole, con effetti che perdurano sino ai giorni nostri, la geografia politica e culturale dell'Italia.

Sedrina nel 1234 e' documentata l'appartenenza del suo territorio al comune di Almè dal quale, unitamente a Stabello, si separa per costituirsi in comune autonomo nel corso del XIII secolo. L'unione al territorio di Stabello e' testimoniata dalla denominazione Stabulo et Sedrina con la quale compare negli statuti di Bergamo del 1331, che riprende le prescrizioni di quello del 1263, ed in tutte le successive relazioni del XIV e XV secolo.

Nel 1392 vengono descritti i suoi confini con i comuni di Poscante, Sorisole, Villa d'Almè, Brembilla e Zogno. I riferimenti toponomastici riportati nello strumento, di cui si trova ancora preciso riscontro nella cartografia ufficiale dell' I.G.M., restituiscono per questo periodo unterritorio formato dall'unione dell'attuale circostrizione di Sedrina con il comune censuario di Stabello di metà '800, esclusa la piccola porzione Nord orientale di Piazza Monaci occupata dai beni del Monastero di Astino. Tale circoscrizione viene confermata nella revisione dei confini eseguita il 18 Luglio 1456, dove appare con la denominazione di Sedrina et Stabulo (confini di varie terre).

Le due comunità si separano e si costituiscono in comuni distinti con atto divisionale 17 Ottobre 1484, per mezzo del quale si ipotizza che Sedrina abbia acquisito l'attuale circoscrizione. L'analisi della distribuzione delle contrade di sua pertinenza, riportate nella relazione del Da Lezze del 1596, conferma la sostanziale corrispondenza tra l'estensione territoriale assunta alla fine del XV secolo e quella odierna: come oggi il suo territorio, delimitato ad Ovest dal fiume Brembo, si estendeva longitudinalmente dalla Valle di Giongo, limite meridionale già fissato alla fine del XIV secolo, fino alla contrada Pratomano, posta all'estremità settentrionale del territorio attuale.

Nell'ambito della riorganizzazione amministrativa provvisoria disposta con Legge 17 Aprile 1797, dove la parrocchia viene assunta come entità territoriale di riferimento, la sua circoscrizione territoriale subisce un ridimensionamento per la costituzione in comune distinto della contrada di Botta, riassorbita dal comune originario (ridenominato "Sedrina con Botta") già con Legge 6 Marzo 1796 (Organizzazione del Dipartimento del Serio). Nel 1809 Sedrina viene aggregato a Zogno insieme a Stabello.

      

Nel 1816 viene ricostruito con la circoscrizione preesistente al decreto napoleonico di "concentrazione" e da questa data non si registrano nuove variazioni territoriali. Nella seduta del 9 Novembre 1951 il Consiglio Provinciale esprime parere favorevole sulla domanda dei frazionisti di Ponti di Sedrina (ricadente in parte nel comune di Brembilla ed in minima parte in quello di Zogno) tendente ad ottenere l'aggregazione al comune di Sedrina. L'istanza, che non ha avuto seguito, e' ritornata d'attualità con una nuova petizione presentata nel 1997 da 18 elettori residenti nella citata frazione. La domanda e' stata accettata e con legge regionale 25 del 7 ottobre 2002 Ponti è diventata parte del comune di Sedrina.

                                       

Botta: con una circoscrizione che si ipotizza coincidente a quella parrocchiale e' segnalato come comunità autonoma nel Prospetto per la divisione del territorio bergamasco dell'Aprile 1797. Nel Marzo del 1798 appare già riassorbito da Sedrina.

         

 

Documento allegato:

Vedi anche:

ultima modifica: S M  04/09/2017
Risultato
  • 3
(2176 valutazioni)


Comune di
SEDRINA
indirizzo: Via Lega Lombarda 7 aprile 1167, 1 - 24010 Sedrina (BG)
telefono: (+39) 0345-57011 fax: (+39) 0345-57037
e-mail segreteria@comune.sedrina.bg.it P.E.C. segreteria.comune.sedrina@pec.regione.lombardia.it
C.F. / P.IVA 00663510162
Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl Copyright © 2015